Il Natale è passato e con lui la frenesia dei regali e dei pranzi in famiglia con i parenti che non sono luminosi ma ci devi stare insieme lo stesso e devi lasciarli parlare delle loro vite senza luce e noi invece abbiamo molto da fare per migliorare le loro vite, perchè si migliora se si impara a guardare oltre il visibile, ma molti non lo fanno e si limitano a vedere ciò che appare non ciò che è veramente importante: l’anima di chi ci sta vicino che sempre c’è e che sempre chiede di essere vista.

Ora finalmente possiamo dedicarci a ciò che importa: la creazione dell’Associazione che vuole cambiare lo sguardo sulla disabilità e che io Presidente porterò avanti con tutte le mie forze. Il nuovo anno sarà dedicato a questo.

Il nuovo anno porterà ciò che noi vorremo, se vogliamo pace porterà pace, se vogliamo speranza porterà speranza, se vogliamo amore porterà amore, perchè siamo noi che scegliamo cosa vogliamo essere. Se vogliamo essere speranza per gli altri possiamo esserlo, se vogliamo essere pace per gli altri possiamo esserlo, se vogliamo essere amore per gli altri possiamo esserlo ma se vogliamo essere odio, rabbia, rancore, paura lo saremo per noi stessi e per chi ci sta vicino. La scelta è solo nostra, non dei politici dei presidenti di stato, dei vescovi o dei capi, certo le loro scelte sono fondamentali per l’umanità ma noi possiamo cambiare la nostra vita e quella di chi ci sta vicino scegliendo l’amore, la pace e la speranza oppure tutto il resto che non lo è. Basta che poi non diamo la colpa al destino perchè il destino non esiste, esiste solo la forza di vivere, sempre.